Dal 1° maggio riparte il SUP a Firenze con Toscanasup e il progetto SUP 4 ALL

Itinerario 1

Ripartono dal 1° di maggio le normali attività di corsi, lezioni, tour ed escursioni, ma si aggiunge, disponibile per chiunque nell’ambito del progetto #SUP4ALL , un ulteriore programma di attività su itinerari fluviali cittadini finalizzati ad offrire un’altra visione e restituire una nuova prospettiva della città. 

A partire dal 1 maggio 2021 infatti prendono il via le attività guidate gratuite di Toscanasup per il progetto SUP4ALL per scoprire Firenze dall’Arno. La base delle attività sarà presso lo spazio estivo Habana 500, in Lungarno Pecori Giraldi.

Grazie al contributo del Comune è stato possibile lo sviluppo di 4 percorsi fluviali accessibili a tutti, lungo l’intero tratto dell’Arno a Firenze, percorsi che saranno offerti gratuitamente, in piccoli gruppi, dal Girone al Ponte alla Vittoria per tutto il mese di maggio. 

 

Il progetto SUP4ALL Firenze per tutti, è stato avviato nel 2020 grazie al sostegno del Comune di Firenze, nell’ambito dell’iniziativa Firenze Insolita, Firenze Sostenibile e Outdoor, Firenze innovativa. Alla base di questo progetto lo sport è inteso come strumento dipromozione della salute, ma anche un’occasione di scoperta del nostro territorio, attraverso i 4 itinerari fluviali, uno strumento per diffondere l’educazione e rispetto per l’ambiente e il rafforzamento di una identità collettiva. L’iniziativa nasce con lo spirito di condivisione e accessibilità reale e con l’obiettivo del raggiungimento di una vera  inclusione sociale, in contrasto a TUTTE le diseguaglianze. Tutto questo senza dimenticare il divertimento e la socializzazione nel contesto degli sport acquatici. 

Gli sport acquatici, spesso giustamente presentati come divertenti ed eccitanti, possono incoraggiare anche la partecipazione dei cittadini attualmente inattivi e possono rafforzare il legame delle comunità con il loro territorio, oltre ad esser altamente sostenibili, con basso impatto sull’ambienteInoltre, gli sport acquatici possono essere utilizzati per fornire ai giovani competenze importanti nella gestione del rischio e della sicurezza in acqua, allo stesso tempo possono essere uno strumento per sostenere programmi di istruzione utili ad incoraggiare un maggiore senso di responsabilità per sé, per gli altri e per l’ambiente, promuovendone una maggiore tutela. 

 

Con SUP4ALL lo sviluppo dei percorsi sul fiume si è ispirato ad un principio di inclusività, a maggior ragione perché si tratta anche di attività capaci di migliorare l’esperienza turistica e la fruizione della città con un’attenzione speciale per le categorie di disabilità, si pensi, a esempio, a utenti non vedenti ai quali la tranquillità di stare in mezzo al fiume e la distanza da folle rumorose, può offrire una migliore fruizione della città. Analogamente il potersi muovere in un contesto non affollato permette un maggior relax anche a chi è su una sedia a rotelle, evitando i flussi dei turisti e i vari ostacoli, che sappiamo bene essere cosa non facile nell’affollamento. I percorsi che intrecciano aspetti naturalistici e culturali, sociali, traggono spunto da quello che ha significato l’Arno nella storia cittadina, la lunga e a volte complicata relazione tra il fiume e gli abitanti di Firenze, da quello che significa e potrà significare nel prossimo futuro della città, oggi assai diversa da quella di un paio di anni fa con delle grandi sfide per la necessaria ricorstruzione del tessuto economico, ma anche delle nuove opportunità di sviluppo, occasioni da sfruttare per migliorare la qualità della vita dei cittadini come anche la qualità dell’esperienza turistica. 

I 4 diversi itinerari si declinano per il loro interesse naturalistico, storico, artistico, sportivo, sociale e culturale, e possono essere modulati e seconda delle esigenze dei partecipanti. La lunghezza dei percorsi può variare da 2 a 8 km sul fiume partendo dal suo tratto più naturale con i mulini, le gualchiere, i poderi, gli orti e le ville, per poi proseguire attraversando il centro storico nel tratto di fiume più urbanizzato, per poi reimmergersi nella natura lungo il Parco delle Cascine.

I percorsi guidati, coem scritto sono gratuiti (fatta eccezione per i 20 euro di tesseramento associativo annuale e copertura assicurativa durante lo svolgimento dell’attività), saranno fruibili in piccoli gruppi con prenotazione obbligatoria all’indirizzo info@toscanasup.com. Per la stagione 2021 le attività di Toscanasup inizieranno sabato 1° maggio, con un open day al mattino presso lo spazio ai giardini sul Lungarno Pecori Giraldi, chi vorrà potrà provare le tavole e le attrezzature di Toscanasup, accompagnati da istruttori esperti. Le varie restrizioni e procedure non ci permettono purtroppo di fare un open day come vorremmo fare, per provare le attività e le tavole sarà necessario prenotarsi negli orari disponibili. Per l’open day del 1° maggio sarà possibile provare le attività con turni di mezz’ora per 6 persone (ogni mezz’ora tra le 10 e le 13). 

 

Sempre il 1° maggio, alle 16.00, il primo dei percorsi guidati: In SUP alla scoperta dell’ecosistema fluviale dell’Arno dalla Pescaia di Niccolò al Ponte di Varlungo con Letizia Gonnelli, guida turistica

 

Il programma completo con date ed orari per ogni attività e modulo per prenotazione sono disponibili sulla pagina dedicata al progetto SUP 4 ALL sul sito Toscanasup: https://www.toscanasup.org/it/sup4all/ . 

Il calendario potrà subire variazioni in relazione al meteo o al variare delle disposizioni anti-contagio nazionali, regionali e locali.

 

Prenotazione obbligatoria: via mail info@toscanasup.org indicando nome, cognome, numero di telefono, giorno e orario scelto. Sarà possibile prenotare solo un’ attività per volta, nella settimana precedente alla data prescelta. Si prega di attendere conferma via mail dell’avvenuta prenotazione. Si prega di prenotare solo in caso di effettiva e certa partecipazione. Qualora sorgessero impedimenti non previsti preghiamo di disdire entro il giorno precedente, al fine di liberare eventuali disponibilità.